Visita alla sede della collezione etnologica permanente del Museo regionale di Capodistria

I Carliti del MTI UMANISTICO hanno fatto la loro prima uscita dopo il lungo periodo della didattica a distanza. L’uscita è stata organizzata dalle insegnanti del modulo, le prof.sse Mojca Kraševec, Irena Mauro Armani e Lea Škerlič.
Nell’ambito della parte conclusiva del MTI UMANISTICO: Il black & white del XX secolo, hanno visitato la sede dislocata del Museo regionale di Capodistria, palazzo gotico-veneziano in piazza Gramsci, dove è allestita la mostra della collezione etnografica permanente intitolata »Incontro tra fame e abbondanza«. Gli »umanisti« stanno, infatti, preparando una mostra scolastica con ad essa correlati dei laboratori di conoscenza etnografica sulle tradizioni del passato. All’attività conclusiva saranno invitati a partecipare tutti gli allievi e gli insegnanti del Carli.
Durante l’incontro, la consulente museale, mag. Brigita Jenko, ha svolto un breve laboratorio didattico per gli alunni del gruppo umanistico durante il quale hanno avuto modo di conoscere le caratteristiche della raccolta etnografica dei dati e degli oggetti, l’importanza della conservazione di usi, costumi e tradizioni del passato e hanno acquisito alcune nozioni base sulla catalogazione e l’allestimento della mostra in un museo.
Dopo l’incontro gli alunni hanno iniziato subito con i preparativi per l’allestimento della mostra scolastica di cui, assieme alle insegnanti del modulo, sono i curatori.

Torna in alto