Progetti rete UNESCO e progetti internazionali

UNESCO LOGO

Il nostro Ginnasio essendo membro della rete nazionale delle scuole UNESCO. Nell’A. S. 2023/24 si impegna a svolgere almeno quattro progetti proposti da scuole nella rete UNESCO tra i quali alcuni progetti internazionali.

GimBMUN 2024 (UNESCO)

Rappresenta la simulazione dei dibattiti delle Nazioni Unite (MUN) che si organizza per confrontarsi in inglese su problematiche sociopolitiche mondiali di attualità, imperniate su temi di importanza mondiale. Partecipiamo alle conferenze dal 2014 con ottimi risultati dei nostri studenti.

Cosa nasconde il nostro sottosuolo (UNESCO)

In collaborazione con la SE Vincenzo e Diego de Castro di Pirano partecipiamo al concorso artistico-culturale scoprendo il nostro sottosuolo da vari punti di vista e prospettive.

Diventa un eroe – raccogli un rifiuto che trovi (UNESCO)

In occasione della Giornata della Terra e su proposta dell’Asilo di Capodistria organizziamo delle attività interdisciplinari per conoscere le caratteristiche della nostra costa e per sensibilizzare gli studenti sull’importanza della salvaguardia dell’ambiente.

La corsa Unesco (UNESCO)

L’8 maggio 2024 si terrà l’evento “UNESCO RUN”, patrocinato della Commissione nazionale slovena per l’UNESCO, nel centro della città di Ptuj. Partecipano asili, elementari e scuole medie/superiori. Le strade di Ptuj saranno animate da oltre 2000 partecipanti alla corsa.

Celebriamo le giornate importanti:

  • Giornata Internazionale della Lingua Madre 21 febbraio (UNESCO)
  • Giornata Internazionale degli Oceani 8 giugno (UNESCO)
  • Giornata Internazionale della Terra 22 aprile (UNESCO)

Mobilità degli studenti e Open Windows of Europe:

Prevede lo scambio di studenti del nostro Ginnasio con il L’Educandato Statale Uccellis di Udine e il Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale del Friuli della durata di una settimana. Il progetto offre la possibilità di sperimentare un diverso sistema scolastico, di fare un’esperienza di vita in un altro paese e di migliorare le competenze linguistiche.

I progetti di mobilità promuovono la mobilità degli studenti dell’area Alpe-Adria con l’obiettivo di far conoscere realtà scolastiche e culturali dei partner partecipanti tramite il metodo didattico Learning by doing con lavori di gruppo cooperativo, produzione e condivisione di materiali su piattaforme multimediali.

 Mobilità degli insegnanti

Nell’ambito della formazione docenti, vogliamo mantenere e sviluppare l’attività dello scambio docenti con le scuole italiane con cui collaboriamo (L’Educandato Statale Uccellis di Udine, Il Convitto Nazionale Paolo Diacono di Cividale).

Una scuola senza confini

Progetto in collaborazione con il L’Educandato Statale Uccellis di Udine, Il Consolato italiano di Capodistria e l’Università popolare di Trieste.

L’accordo tra i vari Istituti si propone di raggiungere i seguenti obiettivi:

  • coinvolgere nuove generazioni attraverso la sensibilizzazione sui tratti culturali e linguistici che legano i diversi territori coinvolti nella comune dimensione europea, nonché la promozione della cittadinanza attiva dei giovani;
  • migliorare e ampliare la qualità dell’offerta formativa delle scuole che aderiscono alla rete;
  • superare le barriere nazionali attraverso il dialogo, la mobilità studentesca e un confronto costruttivo tra i diversi sistemi di istruzione;
  • promuovere lo scambio di buone pratiche attraverso l’organizzazione di stage per i docenti, seminari da tenersi in Italia, in Slovenia e in Croazia;
  • creare un reciproco sostegno tra le scuole aderenti alla Rete, per la sperimentazione di percorsi didattici sulle tematiche di volta in volta concordate e riguardanti le sfide ambientali, la transizione ecologica, le STEAM e altre tematiche di attualità formativa;
  • valorizzare l’identità e la visibilità delle singole scuole aderenti alla Rete nel proprio contesto territoriale e regionale;
  • creare uno strumento di confronto permanente e di interscambio tra i percorsi realizzati dalle scuole con un arricchimento della qualità dell’offerta formativa di ogni singolo istituto della rete;
  • migliorare le competenze linguistiche per gli studenti;
  • promuovere le certificazioni della lingua italiana (L2);
  • promuovere l’orientamento universitario ed il perfezionamento dei percorsi di studio.
Torna in alto