JEZIKLINGUA

Nell’anno scolasico 2012/2013, la nostra terza classe, insieme alla mentore professoressa Elen Zrinski, ha preso parte al progetto JEZIKLINGUA, in collaborazione con la quarta classe del Liceo sloveno France Prešeren di Trieste.
Il progetto è stato ideato e finanziato dall’Unione Europea, e consisteva nella lettura di quattro romanzi di scrittori appartenenti alla minoranza slovena e italiana. In seguito abbiamo anche incontrato gli autori in due incontri, uno a Trieste e l’altro a Capodistria.

Il primo incontro ha avuto luogo il 5 febbraio 2013 al liceo France Prešeren, dove abbiamo discusso sui libri Sto obrazov notranje moči e L’altra parte del cielo, rispettivamente degli autori Alenka Rebula e Marco Apollonio. Il primo consiste in una raccolta di pensieri sui veri valori della vita. Il secondo, invece, si incentrava sulla tematica del destino tragico al quale vanno incontro gli immigrati e sui numerosi pregiudizi che la società ha nei loro confronti.

Alla fine dell’incontro abbiamo anche avuto l’occasione di porre delle domande ai due autori che ovviamente sono stati molto disponibili.

 

Il secondo incontro si è tenuto al nostro ginnasio il 10 maggio 2013, dove abbiamo potuto discutere gli altri due romanzi; Mož, ki je bral Disneyjeve stripe, di Sergej Verč, e A occhi spenti, di Aljoša Curavić. Entrambe i romanzi avevano in comune la tematica della schizofrenia, infatti i due protagonisti erano colpiti da questa terribile malattia.

Anche in questo caso abbiamo avuto l’opportunità di soddisfare la nostra curiosità parlando con gli autori in merito ai due romanzi.

Il progetto JEZIKLINGUA si è dimostrato molto utile, infatti abbiamo potuto conoscere autori appartenenti alle due minoranze, inoltre abbiamo fatto conoscenza con nuovi ragazzi e visitato luoghi descritti nei romanzi in una gita a fine settembre. Bello!

Torna in alto