Esplorando i tesori architettonici ed enogastronomici del carso e della valle del Vipacco

Mercoledì 5 aprile gli alunni coinvolti nei moduli tematici interdisciplinari “Ecovita” e “De gustibus”, assieme ai loro compagni di storia dell’arte hanno partecipato ad un’escursione congiunta all’insegna dell’arte e dell’enogastronomia. Accompagnati dalle Professoresse Kralj e Erjavec si sono recati innanzitutto a Vipacco, dove hanno potuto visitare l’azienda vinicola Vipava 1894 e seguire le tappe che segnano il percorso dell’uva dal momento della sua raccolta all’imbottigliamento.

Visto il forte legame tra la produzione vinicola e il territorio circostante, è seguita una visita guidata del paese di Vipacco (Vipava), durante la quale gli alunni hanno avuto modo di conoscerne la storia ma anche le particolarità naturalistiche e soluzioni architettoniche derivanti dalle tante sorgenti del fiume Vipacco. All’insegna dell’architettura, questa volta carsica però, si è rivelata anche la tappa successiva, ovvero San Daniele del Carso (Štanjel). Qui gli alunni si sono cimentati in una caccia al tesoro che ha avuto come fine esplorare il paese alla ricerca dei suoi dettagli più significativi. A meritarsi il primo posto sono stati gli alunni di storia dell’arte, ma anche gli altri si sono dimostrati bravissimi nel leggere gli indizi e immortalare la riuscita della loro impresa con un selfie.

Tutti quanti si sono meritati quindi una debita ricompensa sotto forma di una degustazione presso il prosciuttificio di Lokev, ovvero ultima tappa della giornata. Qui, oltre ad assaporare il prosciutto carsolino, gli alunni hanno appreso pure i metodi di stagionatura (rigorosamente a base di una buona dose di bora) e lavorazione del prosciutto, nonché le sfide legate al cambiamento climatico a cui anche quest’industria si sta adattando. 

 

Torna in alto